Temi e contesti d’intervento

 

Nuove forme di governance e di gestione dei servizi sociali e sanitari nei territori locali:

punto elenco

Interventi di accompagnamento alla costituzione e all’ampliamento di Unioni di Comuni, aiutando a costruire le condizioni affinché i livelli istituzionali e tecnici possano investire nello sviluppo di politiche integrate, ne sappiamo leggere i benefici e promuovere in questi processi il confronto con le forse economiche e sociali dei territori.

punto elenco

Supporto all’avvio di Aziende pubbliche di Servizi alla Persona (ASP) e accompagnamento a processi di sviluppo dei Servizi Sociali territoriali in rapporto ai nuovi scenari introdotti dalla legge 328/00.

punto elenco

Interventi di riorganizzazione di Assessorati comunali affinché questi possano assumere adeguate funzioni di governance delle politiche e degli interventi sociali.

punto elenco

Interventi di accompagnamento volti alla costruzione di processi di integrazione tra servizi sanitari e servizi sociali operanti nell’ambito delle Case della Salute.

punto elenco

Sostegno a percorsi di progettazione di Unità di valutazione multiprofessionale (UVM) che si configurino come veri e propri luoghi di analisi e approfondimento dei problemi delle persone con disagio psichico, disabili, anziane, che operatori del Sociale e del Sanitario svolgono assieme, in funzione della messa a punto di interventi e progetti di presa in carico condivisi.

punto elenco

Sostegno ai processi di costruzione e valutazione dei Piani sociali di Zona, promuovendo il coinvolgimento attivo dei Servizi sociali, dei Servizi sanitari e delle organizzazioni di Terzo settore che operano nell’ambito distrettuale.

punto elenco

Interventi di consulenza volti ad attivare e accompagnare sistemi di coordinamento tra enti e istituzioni locali (cabine di regia tra Regione, Province e Distretti; tavoli di coordinamento tra Province e Distretti; Conferenze territoriali sociali e sanitarie …) in grado di raccogliere i problemi che riguardano le diverse e specifiche situazioni territoriali.

 

Sviluppo del Terzo Settore e delle sue interazioni con gli Enti pubblicii:

punto elenco

Accompagnamento alla costruzione di forme di rappresentanza dei soggetti del Terzo settore (Forum regionali e provinciali, Coordinamenti a carattere provinciale e distrettuale, …) e alla loro partecipazione ai luoghi di programmazione delle politiche sociali (aree e tavoli dei Piani di Zona, Comitati paritetici, Comitati consultivi misti, Consulte …).

punto elenco

Sostegno all’organizzazione dei Centri di Servizio per il Volontariato, in particolare di quel livello di interventi e servizi volti a promuovere la progettualità del volontariato, ripensandoli in funzione della partecipazione del volontariato ai nuovi luoghi di concertazione previsti dai Piani di Zona.

 

Costruzione di reti di interventi sociali, socio-sanitari e educativi:

punto elenco

Interventi di consulenza e formazione volti allo sviluppo di reti di educativa territoriale (a livello locale, provinciale, regionale) in vista dello sviluppo di collaborazioni e progettualità comuni fra Scuole, Centri di aggregazione giovanile, Servizi sociali territoriali, Oratori, Polisportive.

punto elenco

Sviluppo di reti di servizi rivolti a persone anziane affette da demenza e alle loro famiglie, promuovendo connessioni tra medici di medicina generale, ambulatori specialistici, assistenti sociali, interventi di aiuto domiciliare e di sollievo, centri diurni e residenziali, gruppi di auto aiuto tra familiari.

punto elenco

Progettazione e avvio di nuovi servizi alle persone (minori, famiglie, immigrati, persone con disabilità, persone non autosufficienti …) come Comunità di accoglienza, Centri residenziali e diurni, Centri di aggregazione giovanile, Servizi domiciliari, Centri di Ascolto.

punto elenco

Interventi di consulenza e formazione presso organizzazioni di Terzo settore a carattere nazionale, Regioni e distretti di Comuni, volti a promuovere percorsi di Servizio Civile in grado di coinvolgere vari tipi di mondi giovanili, fruibili da diversi enti e rispondenti ai bisogni della comunità in termini sia di problemi sociali sia di costruzione della cittadinanza.

 

Ridisegno e sostegno alle attività di Ordini religiosi e Organismi ecclesiali:

punto elenco

Consulenza a Ordini e Istituti di religiosi in riferimento sia alla costruzione di reti e connessioni tra servizi interni (ad esempio, strutture socio-assistenziali per religiose anziane), sia a percorsi di integrazione tra livelli territoriali autonomi afferenti ad uno stesso Ordine (ad esempio, le diverse Province in cui si articolano alcuni Ordini religiosi).

punto elenco

Percorsi di ripensamento dei processi di lavoro interni a organismi pastorali ed ecclesiali e dei servizi da essi realizzati: Parrocchie, Uffici diocesani, Centri di ascolto, Caritas, Centri di Pastorale giovanile.

 

Conciliazione tra lavoro e responsabilità familiari nelle aziende:

punto elenco

Interventi di counselling a sostegno della conciliazione tra lavoro e responsabilità familiari in aziende di produzione di beni materiali, realizzati nell’ambito della L. 53/2000 “Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione”.